Loading...
I NOSTRI PROGETTI

PRIZEFISH

PRIZEFISH Il progetto Italia-Croazia PRIZEFISH, vuole contribuire a rendere più sostenibile il sistema «pesca in Adriatico» mediante numerose azioni, che si rivolgeranno a processi di innovazione dell’intera filiera ittica, allo sviluppo e all’implementazione di tecniche e prodotti della pesca adriatica sostenibili ed eco-certificati, per poter essere quindi presentati propri di valore aggiunto. Con tale attività i consumatori più sensibili a prodotti ecologicamente sostenibili potranno trovare una alternativa. PRIZEFISH ha, infine, l’obiettivo di fornire maggiori possibilità di sviluppo socio-economico alle imprese del settore ittico, ai territori e alle comunità rurali che fondano la loro economia sulla pesca in Adriatico.
Total project budget: € 3.117.680,00 - ERDF Co-financing (85%): € 2.650.028,00
Total budget CESTHA (PP4): € 148.160,00 - ERDF Co-financing (85%): € 125.936,00
Project Duration in months: 30 - Start Date: 01/01/2019 - End Date: 30/06/2021
Nello specifico CESTHA si occuperà di pesca sostenibile sotto il profilo ambientale, ma parallelamente efficace da un punto di vista qualitativo, lavorando con gli operatori ittici e i pescatori nell’attuazione di nuovi sistemi di pesca meno impattanti o, laddove già in uso, migliorando l’efficienza delle buone pratiche. Collaborerà nella creazione di marchi di qualità e nella promozione ai consumatori dei “nuovi” prodotti a maggior valore di sostenibilità. PRIZEFISH è coordinato dal Centro Inter-Dipartimentale di Ricerca in Scienze Ambientali (CIRSA) dell’Alma Mater Studiorum - Università di Bologna, coinvolge 6 partner Croati (Contea di Zara, Istituto di Oceanografia e Pesca, le cooperative di pesca Istra e Omega3, il Servizio di consulenza forestale e agricolo per la Croazia - CAFAS, l’ente pubblico RERA SD per il coordinamento e lo sviluppo della contea di Spalato e Dalmazia) e 7 partner Italiani (Consiglio Nazionale delle Ricerche - CNR IRBIM, l’Agenzia per i servizi nel settore agroalimentare delle Marche - ASSAM, il Centro sperimentale per la tutela degli habitat - CESTHA, l’Istituto di Istruzione Superiore "Remo Brindisi" - Polo dei Mestieri del Mare, l’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS, l’Organizzazione di Produttori di Molluschi del Mare Veneto Soc. Coop. “OP Bivalvia Veneto” e la Regione Emilia–Romagna, Direzione Generale Agricoltura Caccia e Pesca) ed è stato finanziato dalla Commissione Europea nell'Asse Prioritario Blue Innovation del programma 2014-2020 INTERREG CBC Italia-Croazia.
Il «3-step» must di PRIZEFISH è «Pescare di meno! Guadagnare di più! Rispettare il mare Adriatico!».


SEPPIA

SEPPIA Il progetto S.E.P.P.I.A. Salvaguardia E Protezione dei Popolamenti Ittici Adriatici, si propone come un programma di attività a sostegno della piccola pesca costiera artigianale praticata lungo le acque che si affacciano sulle coste dei territori della provincia di Ravenna.
Pone a target cinque specie dall’altissimo interesse commerciale, che costituiscono una fondamentale risorsa per il mantenimento dell’attività ittica:
• la seppia (Sepia officinalis)
• il calamaro (Loligo vulgaris)
• il lumachino bombolino (Nassarius mutabilis)
• la vongola (Chamelea gallina)
• l’astice europeo (Homarus gammarus)
La proposta si articola in una serie di 7 azioni interconnesse tra loro che spaziano, a seguito dell’individuazione di alcune aree campione che presentino le migliori caratteristiche di produttività per tutte le risorse, da azioni di restocking sia in situ che ex situ, a studi sull’incremento dei popolamenti di vongola lupino a seguito dell’azione positiva generata da periodi di pesca alle seppie praticata con attrezzi fissi da posta, per arrivare a classificazioni genetiche e programmi di qualificazione in termini economici e di sostenibilità dei prodotti, abbinati a programmi di promozione, divulgazione e didattica.


PESCAMI

PESCAMI Il progetto, finalizzato a contrastare il fenomeno della presenza dei rifiuti in mare e della pesca fantasma, causato dagli attrezzi da pesca perduti o abbandonati, prevede il coinvolgimento dei pescatori delle cooperative di Marina di Ravenna La Romagnola e Nuovo Conisub e di altri pescatori di Cervia e Porto Garibaldi, in attività di recupero e conferimento a terra di numerose tipologie di rifiuti, appunto, pescati in mare.


PNLRDA

PNLRDA Il Programma nazionale raccolta dati alieutici prevede la raccolta e gestione dei dati biologici, ambientali, tecnici e socioeconomici necessari ai fini della gestione della pesca. Il Programma nazionale include le procedure ed i metodi da utilizzare per la raccolta e l'analisi dei dati nonché per la stima della loro accuratezza e precisione. I protocolli e i metodi di raccolta e di monitoraggio dei dati sono conformi alle norme di qualità stabilite dagli organismi scientifici internazionali e dalle organizzazioni regionali di gestione della pesca.


E-LIFE

E-LIFE ll progetto ELIFE si propone di migliorare la conservazione di alcune specie di elasmobranchi (squali e razze) promuovendo pratiche di conservazione nel contesto della pesca professionale, attraverso azioni pilota e dimostrative, messe in atto nei porti italiani e greci.


CASCADE

CASCADE il progetto ha l’obiettivo di aumentare le conoscenze sulla biodiversità marina e le aree umide di transizione delle coste del Mare Adriatico dei due Paesi coinvolti dal Programma al fine di proporre l’implementazione di efficaci strategie di monitoraggio e gestione degli ambienti marino-costieri.


TARTALIFE

TARTALIFE intende perseguire la riduzione della mortalità di Caretta caretta determinata accidentalmente dalle attività di pesca professionali attraverso 2 obiettivi specifici:
-riduzione del bycatch effettuato con palangari, reti a strascico e da posta, con diffusione di ami circolari e TED perfezionati e sperimentazione di luci UV come deterrente per le tartarughe e di un attrezzo alternativo alle reti da posta
-riduzione mortalità post cattura, con formazione dei pescatori e rafforzamento dei Presidi di recupero/primo soccorso.